Giovedì, 11 Ottobre 2012 08:42

Il Curlo

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Di legno, conico, grande meno di un pugno, da noi è detto curie, spentone compreso, il perno, gra­zie al quale era destinato a prilla­re e che un fabbro indulgente ci ap­prontava con pochi soldi ricavan­dolo da una lima consunta; e pote­va essere in tre modi, lana, penna e trabete, quanto dire leggerissi­mo, leggero e trepido nel senso que­st’ultimo dell’etimo latino trepi- dus, agitato, inquieto, affaccenda­to/precipitoso.

 

L’ideale e il più era il lana, del penna ci si poteva accontentare, non così dell’ultimo, deprecabile, una disgrazia. Tutto dipendeva dalla qualità dello spentone e da co­me lo si ‘nzaccava (conficcava) nel curie.

 

Per ottenere un curie lana il per­no voleva essere fatto ad arte e messo al suo posto a dovere, giusto e perpendicolare nel vertice.

 

A quest’ultimo scopo soccorreva­no le “zeppe”, di frammenti di fu­scello, sterpo, carta, ma special- mente di pizzichi di “materiale” che, biondo scuro, umidiccio e più trattabile perla sua morbidezza, a- veva per giunta il potere, così si di­ceva, di garantirti il non plus ultra del giocattolo.

 

Non -si- esitava a raccoglierne né si durava fatica a trovarne.

 Lana, penna e trabete.

Com’erano precisamente e come si comportavano, a cominciare dal­l’ultimo per venire a ritroso al pri­mo e più ambito.

 

Il trabete, detto subito, faceva spettacolo. Scagliatolo al suolo, fa­cendone sgomitolare con uno strappo la zaiagghia, ossia la cor­dicella con cui lo si era avvolto strettamente a cominciare dal per­no, esso si metteva a scorrazzare prillando malfermo, a saltelli e con rumore, scalciando brecciolino e granelli di terra.

 

Strafaceva, avresti detto,non sa­pendo “lui” stesso dove volesse an­dare (“lui”, che dava l’impressione di un ragazzotto che si fosse fatto largo per mostrare com’era bravo), e bruciava così le proprie energie.

 

Prillava, correva qua e là, e face­va r-r-r, rurava,sul terreno piano, pesto e compresso, e non durava. Rallentando la corsa disordjnata, di lì a non molto, difatti, era esau­sto, vacillava ebbro e crollava, fi­nendo rotoloni per terra. Esanime. E non bastava al piccolo proprieta­rio la delusione, aggiungendosi a questa le risate e i commenti dei compagni, senza tuttavia che l’u­miliato se la prendesse col “mate­riale”, nel cui potere di favorire un comportamento più dignitoso del giocattolo si credeva, a dir vero, per meno innato amore del fingere e del fantasticare, come alle storie di Mamurco, delle paure e dello scaz- zamuredde.

Non tale da appagare del tutto ma accettabile era invece il com­portamento 

 

 

 

Letto 8500 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Settembre 2014 16:05
Devi effettuare il login per inviare commenti
Parali uyelik sistemi olan brazzers porno sitesinin tum videolarini turkiyeden izlemek artik ucretsiz! Bu videolari izleyebilmek icin etzin.net sitesindeki brazzers porno kategorisini ziyaret etmeniz yeterli. Bu siteye girdiğinizde tm bedava seks ve rokettube ve porno izlemek icin video ve filmler hizmetinizde. Ayrica Turkiye'nin en kral trk porno arsivi sitemizde yer almaktadir. Basi kapali kadinlarin fantezileri icin ise size trbanli pornolari onerebiliriz.